BIOGRAFIA

Nella sua carriera artistica in continuo divenire, ha partecipato alla Biennale Internazionale della Piccola Scultura di Padova e alla Biennale della Scultura d’Arte Dantesca (Ravenna). La curiosità che accompagna il suo animo gentile lo porta ad esporsi a sempre nuove sfide che lo vedono via a Nanao in Giappone per una realizzazione di un tabernacolo ed esposizione di Grafica e Scultura (1982), a Montrèal in Canada per presentare «Immagini» una cartella di grafica dedicata a Carolyn Carson (1983) a Santa Monica - California USA (1997), a Parigi (1998), in Russia, a Mosca per la realizzazione di più opere scultoree: Macchiavelli, Padre Alexander Men, Raoul Wallenberg per i Giardini della Biblioteca M. Rudomino (1996), a Venezia per una «performance» durante la 48° Biennale d’Arte Contemporanea (1999). Ha realizzato il design del soffitto della chiesa di S. Bellino a Padova e una serie di sculture monumentali che sono state collocate in vari punti della città di Padova e di fronte al Castello Carrarese. Dopo aver Realizzato il busto del «Giusto» G. Perlasca presso l’Istituto di Cultura Italiana a Budapest, copia dello stesso busto è stata collocata a Toronto – Canada, nei giardini delle sede associativa degli Italiani-Veneti. Nel 2013 ha realizzato un intervento a Forte Marghera con il gruppo Materia Prima e partecipato all’evento collaterale alla Biennale di Venezia presso il Padiglione Tibet sede a Santa Marta.

domenica 8 dicembre 2019

Prosegue la mostra di scultura "Incontro e Abbraccio nella scultura del Novecento da Rodin a Mitoraj " Padova Palazzo del Monte di Pietà, inserendo al venerdì pomeriggio incontri dibattito affini alle tematiche dell'evento. La scultura propone l'emozione di affinità elettive che scattano tra le persone e il pensare comune, la percezione tra il sentire e l'ascoltare, l'etica e la sensibilità che nelle relazioni possono far scaturire nella forza della scultura. Le opere esposte in un cammino lineare e preciso spingono il visitatore a comprendere come spesso tra l'artista e l'opera può esserci il desiderio che la scultura oltre a vivere nello spazio comunichi ciò che uno ha interiormente come "una relazione amorosa".

mercoledì 4 dicembre 2019

Il valore dell'"abbracio" non rientra più nelle relazioni umane. Le persone diventano sempre più formali e schive, dimenticando quanto un "abbraccio" comunichi presenza e solidarietà. Predomina la voce forte, la volontà di prevaricare l'altro, non vi è più ascolto e la voglia di capire. L' uomo non può ridursi ad una presenza arida...diamo un "abbraccio" e gioiamo di aver trasmesso un valore.

venerdì 22 novembre 2019

La donna è un dono! Uno spirito vivente dono del cielo. Uomo vivi con lei solo il linguaggio dell'amore, non recarle mai sofferenza.

martedì 19 novembre 2019


Venezia, il dramma, eppure si sapeva che l'acqua arrivava e anche alta...però l'uomo poco attento si è fatto travolgere. Allora Venezia ancora una volta è rimasta "sola", mi viene in mente una poesia di Mario Stefani: "Solitudine...non è essere soli è amare gli altri inutilmente...".
La città è stata sempre ridente e piena di emozioni per noi, non lasciamola sola!

venerdì 15 novembre 2019

Arte Fiera Padova 2019, CD Studio d'Arte presenta l'artista francese David Karsenty che propone nelle sue opere la rielaborazione iconografica delle immagini che hanno accompagnato la nostra infanzia. Sono figure intense che esprimono entusiasmo nella loro esplosione di colori. Altre monito nella loro composizione, un modo di esprimersi unico, che merita di essere scoperto e rientrare nella collezione di ognuno.


giovedì 14 novembre 2019

Da sabato 16 novembre fino al 9 febbraio 2020 presso il Palazzo del Monte di Pietà a Padova si potrà vedere la mostra "Incontro e Abbraccio" nella scultura del Novecento da Rodin a Mitoraj. Un evento particolarmente intenso e di valore artistico significativo, un itinerario nella scultura all'insegna dei grandi temi esistenziali della vita dell'uomo. Sono opere che presentano le varie forme e linguaggi espressivi di scultori che appartengo alla storia dell' arte, un'iniziativa unica nel suo genere.

giovedì 7 novembre 2019

Scrive Maurizio Zanon nel suo ultimo libro di poesie "TUTTO PASSA" Guido Miano Editore, quanto abbia amato l'opera di Diego Valeri, poeta del Novecento che negli anni "veneziani" abitava nei pressi di Calle del Vento, vicino a casa sua. Valeri nella sua poesia approfondiva la tematica del tempo, argomento che Zanon in questo libro tratta in modo efficace. Poesie che sono avvolte da una vena di malinconia, che si confrontano in intense riflessioni tra il pensiero dell'eternità e la propria vita che velocemente si confronta con un tempo finito. La  sua poesia è  frutto dell'evoluzione di una vita vissuta intensamente.